Nel 2016 Lelastiko realizza il concept e le coreografie dei visual inseriti nel progetto Trasformazioni della violoncellista Daniela Savoldi.                                                                                         I visual accompagnano il concerto, presentato in numerose città italiane e sono realizzati da Erica Terenzi.
In viaggi, danza Marina Rossi.

Viaggi https://youtu.be/AcfYO4oWzOI

26259971783 22d7e2b241 z
Mercoledì 12 e Giovedì 13 Dicembre 2018 ore 20.30 
presso il Teatro Mina Mezzadri Santa Chiara, Contrada Santa Chiara 50/A 

Queste tue mani _ debutto 
Lelastiko, in collaborazione con CTB – Centro Teatrale Bresciano all’interno del progetto ExtraOrdinario. 

regia: Francesca Cecala e Marina Rossi 
coreografia: Marina Rossi 
coaching canto: Giulia Rossi 
scenografie e costumi: Davide Sforzini 
musiche: Corrado Saia 
video: Carmelo Puglisi 
luci: Michele Sabattoli 

interpreti: partecipanti del laboratorio per Giovani Anziani e Over75 condotto da Lelastiko:
Emilia Codenotti,  Anna Denza, Vittorio Palumbo, Luisa Roversi, Maurizio Tommolini.


Danza, video, teatro, voce e narrazione. 

Il tempo presente e la testimonianza del vissuto personale di ognuno dei protagonisti coinvolti_uomini e donne che hanno a lungo vissuto_ costituiscono il canovaccio ideativo della performance Queste tue mani. Attraverso il recupero delle narrazioni legate al presente di ogni interprete, traducendo il vissuto in gesti, racconti e azioni delle mani, si snoda uno spettacolo che tocca i temi dell’invecchiamento della popolazione e del rapporto, con sé stessi e con il mondo, di un gruppo di giovani anziani e di over 75. Nella performance Queste tue mani, che dà spazio al riso e al pianto, gli interpreti giocano in maniera autentica ed ironica, per dire della propria quotidianità e straordinarietà, dove la fragilità può diventare risorsa, cambiando prospettiva ad alcune idee stereotipate che riguardano gli anziani.

Il lavoro attinge ai numerosi incontri, interviste e laboratori interni al progetto, che hanno coinvolto circa sessanta persone di età compresa tra i 65 ed i 98 anni.


Con il contributo di Fondazione ASM, Assessorato alle Politiche per la Famiglia, la Persona, la Sanità e Assessorato alla Cultura, Creatività e Innovazione del Comune di Brescia, CTB – Centro Teatrale Bresciano, Fondazione Casa di Dio, RSA “Manlio Bonincontri” di Tignale. 
Progetto inserito in ExtraOrdinario un collettivo di realtà artistiche che operano sul territorio bresciano in ambito sociale con progetti di educazione, creazione e coesione, specialmente nell’ambito dello spettacolo dal vivo.

46508942 1138702106288799 2936279349965357056 n

Lelastiko è un’Associazione culturale e Compagnia di danza. 
Promuove e diffonde danza ed arti sceniche performative rivolgendosi ad un pubblico eterogeno. Ha al proprio attivo diverse produzioni proposte in festival e rassegne. Realizza progetti culturali connessi con la città ed il territorio bresciano. Collabora con compagnie, enti ed artisti, italiani e stranieri. Indaga e confronta i linguaggi della danza contemporanea e del teatrodanza con altri linguaggi artistici, al crocevia tra coreografia, improvvisazione e composizione in tempo reale.

Progetto Queste tue mani.
Una prima fase di preparazione ha portato alla realizzazione di  clip video di presentazione del progetto. La realizzazione di questi video,di interviste e laboratori monografici di teatro e movimento, è stata possibile grazie al contributo di Fondazione ASM e dell’ RSA di Tignale “Manlio Bonincontri” ed alla partecipazione di volontari over 75. Una campagna di raccolta fondi si è svolta nell'estate del 2017. Numerosi incontri di conoscenza del progetto si sono succeduti, sia in ambiti istituzionali, che in momenti pubblici di presentazione delle clip video realizzate, nonchè di primi nuclei performativi, per diffondere Queste tue mani ed informare un pubblico trasversale in merito alla nuova creazione ed agli intenti del lavoro in progress.

Link del video promo:

https://youtu.be/JQ_UK5WWr7c


Performance site specific di composizione istantanea di e con Patricia Kuypers e Marina Rossi

Cura del suono e field recording Vittorio Guindani.


In questo progetto lo spazio teatrale è preso come partitura di improvvisazione.
Le due danzatrici collaborano per fare vedere, sentire, immaginare quanto stanno scoprendo momento per momento.
Osservando cio che il contesto permette e genera, le performer traducono in movimento, un punto di vista su questo ambiente.

Il paesaggio. E’ sempre lo stesso e sempre diverso. Ogni variazione climatica lo fa apparire altro. Riflette o influenza i nostri umori. Apre il nostro sguardo. E’ un luogo nel quale trovare il mio spazio o che posso leggere da lontano. Sono dentro o fuori, mi ci deposito o lo possiedo, l
o leggo o agisco su di lui.                                                  

Una residenza nello spazio in cui si realizza la performance, ci permette di esplorare, ricercare, creare ogni volta una nuova tessitura di Paysage en mouvement, un processo di lavoro di composizione istantanea in cui danza, corpo, spazio, suono, luce dialogano per portare ad emersione ogni volta una  diversa percezione del luogo,
dove è il corpo in movimento a svelarne il "paesaggio".    Patricia e Marina




In scena: 
29 ottobre Festival Più che danza 2016 CRT Triennale dell'arte Milano
12 novembre 2016 PTL Piccolo Teatro Libero ( S.POLO) Brescia


PaysagePatrMarinFloor

P
atricia Kuypers
Danzatrice, improvvisatrice, ricercatrice in danza.
Formatasi nel contesto dell'improvvisazione e della contact-improvisation  grazie al suo incontro con Steve Paxton e con le correnti della post modern dance. La collaborazione con artisti di varie discipline, danzatori, musicisti, artisti plastici, light designers è motore per la creazione dei suoi spettacoli, in piccole formazioni o in big band, affermando e sviluppando la specificità dell’improvvisazione danzata.  E’ fondatrice dell'associazione Contredanse, di cui è direttrice per circa 20 anni e con cui da vita alla rivista Nouvelles de Danse, in Belgio. Sviluppa una ricerca sull’improvvisazione in danza “ La partition interérieure”, ed al contempo indaga l’interazione danza/video in tempo reale, in collaborazione con Franck Beaubois, tra cui il progetto “Panoramique”.


Marina Rossi
Danzatrice, insegnante e coreografa. Laurea in danza contemporanea “Corps et Arts”, indirizzo creazione coreografica, Paris V ( Francia). Stagista nella compagnia Pierre Doussaint per realizzare il suo primo assolo presentato a Parigi. Ha esperienze professionali come danzatrice in Italia, Francia, Irlanda, Polonia, Serbia, Spagna, Turchia. Ha praticato karatè, tai chi, aikido. Continua la propria ricerca tra composizione istantanea e coreografia, collaborando con numerosi artisti di discipline diverse e fondando la compagnia Lelastiko.
Conduce un’intensa attività di formazione nell’ambito delle arti sceniche performative. Il suo lavoro è presente in vari festival e rassegne in Italia e all’estero. Realizza progetti legati a danza, teatro-danza e improvvisazione.


Vittorio Guindani
Si occupa di field recording dal 2008. Si interessa di silenziio, drone, loop e suoni naturali. Ama i suoni con la propria "polvere", con una storia, un ricordo.Collabora con compagnie di danza contemporanea ( Lelastiko , NoFrills ). In anni recenti  ha creato molte installazioni audio -art ed è stato invitato in numerosi progetti artistici  con registi, danzatori, artisti visivi.


LELASTIKO

Compagnia di danza contemporanea attiva dal 2001, presenta le proprie produzioni in festival e rassegne in Italia e all’estero. Confronta coreografia e composizione istantanea, con altri linguaggi artistici, sia in creazione che in ambito performativo. Si occupa di formazione. Realizza progetti legati alla danza. Collaborano con la compagnia enti ed associazioni di ambito culturale e teatrale e numerosi professionisti del settore. La direzione artistica de Lelastiko è di Marina Rossi.



Di e con Francesca Cecala Gennaro Cuomo Giulia Imberti Margherita Maniscalco Marco Poli Massimo Politi Davide Sforzini Elisa Zacco
Coreografia regia ideazione Marina Rossi
Light design Michele Sabattoli
Sound design Edoardo Chiaf

Débris...frammento di qualcosa che è stato sbriciolato, cocci, rovine.                                                                                    
La casa dentro. La casa fuori. Una carovana in transito, che trova casa nelle case.                                                                                                             
Ritornare a casa, per ritornare a se'.
Case straripanti di gente, attese, ricordi del passato.
Le cose che fanno casa. Suoni di mura che si sbriciolano e ci passa il vento. Frammenti di incontri in qualche metro quadrato...


 K5 3630 resize
 
Débris*COCCI, DETRITI, ROVINE, FRAMMENTI..

Débris può essere presentato in spazi non convenzionali, diversi dallo spazio teatrale, in versione site-specific. 

Link video di Débris                                                                                                                                                        
Cascina Balocchihttps://youtu.be/izUJQu3ywoI   
                                                                                           

2015 apr 18 DSC9514 ritaglio

assolo di danza contemporanea
di e con Marina Rossi
sound design: Vittorio Guindani
light design: Michele Sabattoli
costumi e scenografia:Davide Sforzini

 

Qualcuno, qualcosa..la possibilità di una presenza che si può solo intuire ma non descrivere. E che si manifesta a metà tra sacro e profano.
L’uomo come punto di unione e passaggio tra la terra ed il cielo.
Il desiderio di volo che si traduce in un cammino possibile, nel prendere contatto e radicamento nel mondo che abitiamo.
Una metamorfosi che trasforma da un piano di immaginazione ad uno di realtà.

Produzione Lelastiko con il sostegno del Centro Culturale Il Chiostro

 

UNA STRADA NELL'ANIMA
L'esperienza mistica femminile come arte segreta.
 
Un'indagine ispirata alla vita di alcune grandi mistiche, tra cui Ildegarda di Bingen, Gertrude di Helfa la Grande,  Angela da Foligno, Teresa d’Avila ecc.,   che, tramite la contemplazione dello "spirituale" hanno trovato la strada per "avvicinarsi" al divino in modalità difficilmente comunicabili , secondo criteri logici, scegliendo talora la via dell'arte ( scrittura, poesia, pittura..ecc.). La danza ed il teatro-danza sono i linguaggi scelti in questa performance, per trasporre e far risuonare, il riverbero e l'eco che emergono dalle biografie di queste mistiche, come declinazioni femminili di esperienza del divino.
 

Affida al vento un estremo del filo..
Spettacolo di danza, voce e teatro fisico ispirato al mito di Aracne.


PERFORMANCE DI DANZA PER CORPI, MURA, SUONI, LUCE ED OMBRE
 

Danzare con un elemento fisico particolare: un muro, le mura.
Trasformazioni del corpo come trasformazioni di materia in un luogo uguale in ogni città.
Un luogo abbastanza comune da poter diventare unico, capace di trattenere l'impronta dei corpi, di suscitare ricordi, di intrappolare l'estensione delle figure che gli si delineano davanti. Un luogo che rivive una sua memoria ed inventa la propria evoluzione. Due danzatrici in una partizione di movimento per corpi, mura, luce ed ombre.